A CASA

Credo di non aver mai passato così tanto tempo in casa come nell’ultimo mese. Be, facile direi! Siamo (anzi, ahimè dovremmo essere ma c’è ancora chi non riesce proprio a capire!) tutti a casa da almeno una settimana e la ragione la conosciamo bene ormai.

Ho sempre avuto un attaccamento forte alla famiglia, alle radici, alle origini. La casa è sempre stata per me, il punto dove tornare, il posto sicuro, un riparo da tutto e tutti ma anche, e sopratutto negli ultimi anni da quando è nata Anita, “casa” è diventata il centro nevralgico delle nostre vite. Da quando siamo diventati genitori abbiamo iniziato a viverla così profondamente, così intimamente che a Lei dedichiamo attenzioni anche quando siamo lontani.

Carta politica/ geografica recuperata fuori da una scuola elementare.

Amiamo viaggiare, da sempre. Abbiamo girato ed esplorato le zone del mondo che più ci rappresentano (si sceglieva la meta ad “anni alterni” e infatti abbiamo visitato la Svezia e l’India, la Thailandia e il Portogallo) e, da ogni viaggio, portavamo a casa un pezzo di quell’esperienza, di quel paese, di quel qualcosa che ci aveva fatto innamorare.

Siamo due “collezionisti seriali”, ci affezioniamo agli oggetti con cui condividiamo parte della vita: che sia un vecchio bastone che apparteneva alla nonna bis o lo scontrino di una cena speciale.

Kerala, India 2014

Ogni volta che si viaggia, si porta a casa un pezzo del paese che abbiamo visitato e vissuto: un ricordo sotto forma di stampa, di stoviglie, di tappeto, di abito e ogni oggetto acquisisce valore con il passare del tempo. E’ stupendo mantenere i ricordi vivi tutti i giorni semplicemente passeggiando per casa.

L’altarino

Quando ci siamo trovati una casa da arredare, un foglio bianco da colorare a modo nostro, abbiamo iniziato a cercare di capire quale per noi sarebbe stata la casa perfetta. Pinteres, come sempre, ci ha dato grandi spunti per trovare le idee: ambienti, colori, proporzioni.

Ci siamo ripromessi di contenere l’entusiasmo e la fame di riempire casa. Abbiamo deciso che la nostra nuova casa deve crescere con noi, deve diventare lo specchio della nostra famiglia piano piano, senza fretta nè premura. Tutto con il tempo migliora!

Questo blocco forzato (stiamo a casa ragazzi, davvero!) ci sta dando l’opportunità di vivere la nostra casa come mai avremmo fatto. Sistemare, spolverare, riaggiustare, gustare e scoprire ogni angolino.

Le sedie verdi le abbiamo trovate su amazon mentre il tavolo bianco arriva da Al Portico Arredamenti.

#STIAMOACASA

Buona giornata, M.

  1. You house is lovely and seems like a haven of comfort. I love the idea of each thing in your home having come with a story and sometimes from a travel to a distant place. How do you keep it clutter free though (especially with a kid)? 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: