CHE FATICA…

E’ un pò che non scrivo, non aggiorno, non dedico del tempo a questo progetto che sto cercando di portare avanti…mi dispiace. Ma mi dispiace davvero perché scrivere mi da soddisfazione. Scrivere mi aiuta ad esprimere ciò che penso, mi serve a chiarire le idee, mi facilita nel mettere in ordine i pensieri, scrivere è necessario perché io riesca a memorizzare meglio qualunque cosa: spesa, ricordi, emozioni…

Ma, come sappiamo, il tempo sembra essere sempre troppo poco per tutto, per non parlare delle cose che ci piacciono! Quindi corriamo, ci facciamo in quattro per riuscire ad arrivare dappertutto a discapito della “qualità”: nostra e degli impegni a cui dobbiamo adempiere.

Ho trovato questo breve scritto sulla pagina di una mia cara amica. L’ho letto, non solo una volta. L’ho letto piano. L’ho letto fermandomi ogni tanto a pensare, a ricordare, a rivivere quei momenti descritti, riprovando le sensazioni e le emozioni.

C’è qualcosa di profondo, di vero, di sincero in queste parole.

***

“Ieri, ad un compleanno, 
una mamma visibilmente stanca ad un certo punto si è lasciata andare alla frustrazione:
il bambino non voleva assolutamente scendere dalle sue braccia,
il lamento era continuo e, 
ascoltando per caso un suo discorso con un’amica,
sembrava andare avanti così da giorni.

Ad un certo punto,
con le lacrime agli occhi e quasi dimenticandosi di tutta la gente intorno,
ha urlato:
“Basta! Sono stanca! Ti prego lasciami stare un attimo!”

Accortasi della gente che la guardava,
con le gote piene di vergogna ha lasciato il bambino al papà ed è uscita di corsa.

Un pugno al cuore.
Ogni mamma, che sbotti o no,
conosce la sensazione di essere arrivata al limite del possibile
.

Sono uscita poco dopo e l’ho incrociata.
Parlava con delle signore distrattamente.
Sorrideva più rilassata ma pensierosa,
quasi costretta.
A giudicare dalla faccia, 
l’aveva appena sciacquata di fretta non asciugandola con cura.

Si guardava intorno, si perdeva nei discorsi, respirava e buttava fuori aria dalla bocca,
insieme al fumo di una sigaretta.

Ad un certo punto, dal fondo del corridoio il suo bambino l’ha vista da lontano e le è corso incontro.
“Mamma!” ha urlato lui.

Lei ha spalancato le braccia e stringendolo a sè ha detto pentita:
“Amore mio.”

Non lo ha lasciato più un attimo.
Gli ha baciato le manine, lo ha guardato in silenzio per lunghi secondi.

Le mamme hanno bisogno di questo,
di esplodere ogni tanto.
Di sentirsi meno mamme per un secondo, 
per poi ricordarsi che senza questi figli non saremmo niente.
Hanno bisogno di sbattere le porte,
di lamentarsi, di dire basta e sgridare per poi sentirsi in colpa…
e magari pure durante.
Si portano dietro quel peso per giorni,
cercando di rimediare,
sentendosi male.

Se vedete una mamma che scoppia non giudicatela:
non usate parole stupite e nemmeno sguardi compassionevoli.

Sorridetele e non dire niente.
Reggetele una borsa,
ditele che succede anche a voi.

Che non siamo invincibili solo perchè siamo mamme.
Ditele che siamo donne.
Che siamo umane.
Che siamo vulnerabili e stanche,
che non è sbagliato lasciarsi andare.
Che siamo sostituibili per un minuto ed a volte anche per qualche ora, quando ci perdiamo e non sappiamo come fare.
Diteglielo.

Non ditele che è esaurita.
Che forse sbaglia.
Non ditele di calmarsi.

Una mamma si rimprovera da sola,
se vuole un aiuto solo, quello si chiama comprensione”

***

Vi auguro di essere felici spesso, perchè sempre non si può.

Un abbraccio grande, Miz

Annunci

4 Comments

  1. Questo post me lo stampo! … alleggerisce il cuore ;)… il mio bimbo ha 7 mesi oggi ed ora è a godersi il primo pomeriggio di primavera con la nonna… una delle prime volte ;)))

    "Mi piace"

  2. Ho letto questo tuo post e mi sono sentita per la prima volta in 8 mesi della mia nuova vita da mamma meno sola.
    Non lascio mai commenti online neanche su Instagram e sono senza Facebook persino…
    Ma oggi per la prima volta ho sentito il bisogno di dire qualcosa
    Sono finita sul tuo sito “per caso”
    e mentre la mia bambina mi dorme in braccio,perché ultimamente senza motivo,dorme solo così
    Ho iniziato a leggere
    Ed è come se avessi trovato le mie emozioni e i miei pensieri
    Proprio lì, tra quelle righe
    Ieri ho pianto tanto tantissimo
    Ero stanca distrutta frustrata
    Sono sempre coperta di pappa non dormo canto ninne nanne e non so da quanto non faccio un discorso da adulta
    Le amiche hanno tutti figli perfetti
    Senza problemi
    Che dormono
    Che denti e svezzamento non hanno creato problemi
    Io invece ieri ho
    Pensato di avere in casa la figlia di Attila e Belzebù insieme
    E così l’ho lasciata a suo
    Papà e mi sono chiusa in bagno a piangere
    Dopo 15 min sono uscita lei mi ha guardato e mi ha sorriso
    Ha allungato le manine verso di me
    L’ho presa in braccio e in un misto di vergogna e gioia l’ho abbracciata forte
    E ho ricominciato a cantare le mie ninne nanne
    Allora volevo dire che è vero
    Noi dobbiamo sfogarci
    Dobbiamo allentare la tensione ogni tanto e soprattutto
    A volte fa bene ricordarci che siamo umane e perfettamente imperfette nel nostro dare amore incondizionatamente
    Grazie per avermi fatto sentire meno sbagliata

    "Mi piace"

    1. Accidenti Claudia. Grazie.
      Sapere che non si è da sole aiuta sempre!
      In bocca al lupo e sì, prenditi i tuoi tempi e spazi!!!
      ❤️
      Una mamma serena, cresce figli sereni!!!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: