BIG IN JAPAN

Eccomi qui, siamo tornati!

Scusate ma riprendermi dal jet lag è stata la cosa più faticosa del rientro!

Premessa: questo è stato il nostro battesimo del fuoco, il primo vero viaggio con la bimba perchè, diciamoci la verità, le Maldive sono state una meravigliosa passeggiata in confronto!!

Siamo partiti da Milano Malpensa alle 14.55, il volo è durato 12 ore e il viaggio è andato bene: qualche libro, film, poi la cena e, una volta spente tutte le luci, siamo crollati in un sonno più o meno profondo tutti e tre. Siamo atterrati a Tokyo alle ore 11.30 del mattino del giorno dopo, un pò intontiti abbiamo recuperato i bagagli, ritirato il Japan Rail Pass, attivato il wi-fi e acquistato i biglietti della metro per arrivare al primo hotel.

E’ stato tutto più semplice di quanto ci avessero detto e avessimo immagino. Accoglienza impeccabile e fin troppo silenziosa. Stavamo in un quartiere residenziale (Akasaka)  e, come tale, ci aspettavamo di vedere qualche “local” ma abbiamo fatto i conti senza l’oste. Si, perchè a Tokyo dal 30 Dicembre al 2 di Gennaio sono tutti fuori città, molti negozi sono chiusi per ferie (non sono riuscita a vedere il Dover Street Market!!!)  e la città sembra deserta! Il lato positivo? L’impatto con gli antipodi è stato dolce e sommesso.

Anche il fuso è stato clemente con noi: abbiamo preso il ritmo velocemente senza passare l’intera vacanza a vagare nei corridoi degli alberghi di notte come Bill Murrey nel famoso film della Coppola “Lost In Translation”! Di grande aiuto anche la melatonina per tutti, un integratore naturale che aiuta a regolarizzare le fasi del sonno!

Le uniche vere fatiche sono state riuscire a conciliare le esigenze alimentari di Gianmarco (vegetariano che mangia pesce) con quelle di Anita (che mangia tutto ma un pò di attenzioni servono…). Ci siamo trovati spiazzati di fronte al sistema giapponese, non tanto per la proposta culinaria quanto per la rigidità dei ristoranti: se vai in un locale la cui specialità è il sushi, stai pur certo che non troverai nulla di cotto se non la palletta di riso sotto la fettina di pesce (ovviamente crudo) del piatto che hai ordinato. Oppure, se un ristorante cucina il ramen (ovvero uno dei piatti più tipici della cucina giapponese che prevede una scodella di tagliatelle di frumento immerse nel brodo di carne e condito con miso, uova, fettine di maiale o carne di ogni genere…) propone mille varianti ma solo di quello e per un vegetariano non è il massimo! Quindi ci siamo dovuti un pò arrangiare: a volte prima mangiava la bimba e poi noi, oppure spuntini a base di banane e onigiri, le straordinarie polpette di riso bianco ripiene di salmone cotto, o tonno, o verdure, o spicy…di tutto! che si trovano nei seven eleven o mini market disseminati ovunque e sempre aperti.

Anche spostarsi è stato semplice: i cartelli e le indicazioni sono scritti anche in inglese, il sistema è molto efficiente ed organizzato e con un pochino di spirito di iniziativa e di avventura ce la si cava senza problemi!

Siamo stati anche a Kyoto, che abbiamo raggiunto comodamente da Tokyo tramite Shinkansen, i treni ad altissima velocità che tutti dovrebbero prendere almeno una volta nella vita (sopratutto noi italiani perchè potremmo davvero renderci conto di quante cose meravigliose potrebbe offrire in più l’Italia invece di essere sommersa da disagi, malfunzionamenti ecc..). Kyoto ha una dimensione differente rispetto alla capitale ma sempre gigante per i nostri canoni, dove però abbiamo potuto percepire un pochino di più la cultura giapponese, la vita meno metropolitana. Un giorno lo abbiamo dedicato per visitare Nara, altra cittadina celebre per i templi e i daini lasciati liberi di scorrazzare per le strade perchè considerati animali sacri. Anche quella è stata una tappa molto interessante.

Il Giappone merita di essere visitato perchè è davvero pazzesco. Servirebbe più tempo per poterne apprezzare davvero i numerosissimi aspetti che si nascondono dietro agli stereotipi che la nostra cultura ha costruito negli anni sopra la terra del Sol Levante. Sicuramente un viaggio impegnativo ma estremamente formativo per tutti noi. Per Anita è stato sicuramente stimolante:  ha avuto modo di rapportarsi con i bimbi della sua età ma di una cultura completamente differente (abitudini, lingua, espressioni) in diverse occasioni: al parco la domenica, al museo Ghibli giocando su una installazione, nel baby place del mega store Muji in Shibuya, nei ristoranti dove vedeva i suoi coetanei mangiare con le bacchette e con le quali poi ha voluto fortemente cimentarsi!

Viaggiare apre la mente e noi non vogliamo smettere mai!

A breve scriverò qualche post con maggiori consigli tecnico/pratici…sai mai che ti faccio venire voglia di andare in Giappone!

Bisous, M

Aeroporto Milano Malpensa, 29.12.2017Processed with VSCO with hb2 preset

Tokyo Subway -con le scritte in inglese!-Processed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 preset

TokyoC9E734A7-70D5-47D8-AC7A-8606BBD1062FProcessed with VSCO with hb2 presetProcessed with VSCO with hb2 preset

Japan Rail Pass, comodo da prenotare dall’Italia, risparmi e il servizio è impeccabile!AF3F3E4B-FC04-4FE3-9A61-FAAB912849CCA Nara i daini mangiano dalle mani dei visitatori, anche da quelli piccolini!Processed with VSCO with hb2 presetMa la comodità del marsupio?????Processed with VSCO with hb2 presetMuseo GhibliProcessed with VSCO with hb2 preset

Anita e le bacchette!Processed with VSCO with hb2 preset

Onigiri mon amourProcessed with VSCO with hb2 preset

Annunci

One Comment

  1. Fantastico!! Amo il Giappone, troppissimo!! Non vedo l’ora che Leonardo sia un pochino più grande per andare a fare una bella vacanza e visitare quei posti che ho sempre sognato fin da adolescente ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: