40 GIORNI E 40 NOTTI

Le mamme hanno un ruolo fondamentale nei primi mesi di vita delle creature. Non me ne vogliano i papà ma i bebè non possono fare a meno della mamma!

I primi 40 giorni sono davvero faticosi: un tempo, i successivi giorni al parto erano considerati un periodo “speciale” in cui la neo-mamma doveva restare a riposo e dedicarsi solo al suo bambino mentre le altre donne della famiglia si occupavano di tutte le incombenze domestiche: lavare, stirare, cucinare… Oggi la società è molto cambiata, ma le sei settimane del puerperio restano un momento davvero delicato nella vita della donna.

Noi mamme siamo sottoposte a stress e responsabilità che mai avremmo immaginato così (almeno per me…): le giornate passano velocissime, il tempo è scandito da poppate, pannolini, pianti e qualche sonnellino. In questo periodo dobbiamo imparare a conoscere e riconoscere i messaggi dei bimbi: piange perchè ha fame, è stanco, non ha digerito o perchè proprio non si sa. Poi dobbiamo cercare di coinvolgere i papà e condividere con loro quello che abbiamo appreso così da dividersi le fatiche ma anche quello è un arduo compito!

Durante queste prime settimane devi ricordarti di tutto: di sterilizzare il cordone ombelicale e i biberon (ed è fondamentale non confondere i procedimenti! J) , non puoi dimenticarti di quando l’hai cambiato, quando ha bevuto il lattino, se adesso sarebbe meglio che dormisse e, se dorme, devi controllare se hai ancora body puliti o se sei costretta a rinunciare al tuo di pisolino ritemprante per non farti trovare impreparata… piano piano acquisisci anche i super poteri da mamma: il tuo olfatto si fa fine e acuto per riconoscere al volo se il pupo ha bisogno di una rinfrescatina (perchè si, la caccona dei neonati è una bomba che non si può spiegare!), il tuo sesto senso si amplifica tanto da farti sentire che il cucciolo si sta svegliando e, nel tempo che completi nella mente la frase, il tuo bimbetto è bello sveglio nella sua culla che aspetta solo te…per l’ennesimo pasto, coccolina, rinfrescatina, ecc. ecc. ecc.

Insomma, tempi duri per le neo-mamme! In questi giorni delicati hai bisogno di sostegno: dal tuo partner, dalla tua famiglia, dagli amici più vicini che ti conoscono e posso davvero aiutarti. La parola chiave, che poi dovrai sempre tenere a mente (come dice sempre il mio mentore!) è DE-LE-GA-RE.  Anche se ti sembrerà strano, anche se ti sentirai colpevole nei confronti del tuo piccolino, anche se ti sembrerà di sprecare quel poco tempo che hai a disposizione in cui magari potresti fare le cose che facevi prima, cerca di non impazzire a voler arrivare dovunque: chiedi una mano e riposati più che puoi!

La serenità della mamma è uno degli aspetti principali per la tranquillità di tutta la famiglia. A tutte è capitato, capita e capiterà di passare dei momenti così neri da non vederne la fine, a volte questa sensazione si trasforma nel cosiddetto “baby blues”, termine americano per indicare quella forma di depressione che può colpire le neo-mamme dovuta anche da cause scientifiche e fisiologiche (grazie ormoni, grazie!). La cosa davvero importante è appendere al chiodo per un periodo i panni da Wonder Woman e accettare gli aiuti (e solo gli aiuti veri) che ci vengono offerti.

 

Bisous, M

40 giorni e 40 notti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: