#MOUNTAINSLOVERS

Quanto ci piace andare in montagna con Anita? La prima volta che la portammo in Engadina (Svizzera) aveva quasi due mesi.  Ci confrontammo con la pediatra che ci tranquillizzò in merito alle cautele per la neonata: ci disse di non andare a cannone per strada, di fermarci per qualche minuto prima del passo Maloja per farla “acclimatare” e di stare sereni che l’aria buona di montagna avrebbe fatto solamente bene alla nostra piccolina. Partimmo e non ci furono problemi. Ancora oggi, ricordo con affetto quella prima vacanza insieme.

Amiamo l’ Engadina, ha una dimensione ideale per chi ama la montagna, ci sono tante attività all’aria aperta adatte a tutte le “capacità”: si può andare in bicicletta (ci sono tantissimi shop dove noleggiare), si può giocare a golf, ci si può arrampicare, c’è la piscina e poi ovviamente, il trekking: puoi uscire di casa e arrivare a oltre 2000m oppure goderti una bella passeggiata camminando per sentieri facili e adatti a chiunque.

Stamattina c’era il sole e la temperatura era frizzante (5 gradi alle 9 del mattino): il clima ideale per goderci questo giorno di fine estate.

Dopo colazione siamo partiti, direzione Lägh da Cavloc. E’ una bella passeggiata: il sentiero immerso nel verde conduce in un posto davvero magico. Dopo circa 40 minuti di cammino (Anita a bordo dello zaino Salewa con il suo papà) a tratti ripido ma la strada è carrabile quindi si può affrontare anche con un bel passeggino da trekking*,  circondati da alberi bellissimi e con i segni di una lunga vita vissuta, si apre davanti ai nostri occhi uno scenario idilliaco: c’è un lago dal colore verde smeraldo, le pendici delle montagne sembrano muoversi grazie al vento che spinge l’erba folta e rigogliosa avanti e indietro, che se poi ti concentri riesci a intravedere i piccoli fiori gialli e rosa che abitano i pendii, e quel minuscolo rifugio di legno abbarbicato su un lato della valle e, là in fondo poco prima della lingua del ghiacciaio, un alpeggio costruito chissà quando con i panni stesi, i maiali e le capre liberi, il casaro che vende il formaggio dei suoi adorati animali, l’aria pungente e il sole ancora più vicino e caldo.  A me toglie il fiato, sempre.

Dopo un bel pranzo a base di Zuppa Grigionese e polentina con uova al tegamino per tutti (si, anche Anita ha mangiato come noi) verso le 13.30 ci siamo rimessi in cammino. Lei si è addormentata cullata dal ritmo ondoso della camminata del suo papà e noi ci siamo goduti quel meraviglioso paesaggio tra sguardi complici, sorrisi e silenzi.

Amo la montagna perchè sa regalarmi degli istanti meravigliosi.

 

Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
GONNA E MAGLIONE: BENETTON  CAMICIA: AMERICAN APPAREL CAMERA: FUJIFILM X100S
Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
ZAINO: SALEWA
Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
IMG_0882
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
Processed with VSCO with hb2 preset
Lägh da Cavloc, 21 Ago. ’17
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: